THE BRIDGE ARTS FESTIVAL

THE BRIDGE ARTS FESTIVAL

Un grande festival dell’arte ” si è svolto nei giorni 6-7 Aprile nelle città di Huntingdon e Godmanchester, una manifestazione culturale organizzata dall’associazione per i gemellaggi delle due città, che ha ospitato quarantaquattro eventi di arti visive, poesia, teatro, danza, musica, fotografia, artigianato dislocati all’interno e all’esterno di sedici spazi . Hanno partecipato diciotto artisti individuali, sia locali che dalle città gemellate,numerosi gruppi artistici,diversi gruppi tra musica, danza e teatro, scuole elementari, scuole di tutti i livelli, e cinque laboratori . Tra i partecipanti c’erano anche artisti provenienti da Salon de Provence , Wertheim, Szentendre. La città di Gubbio era rappresentata da Toni Bellucci, Giulia Pedini e Isabella Sannipoli, tre artisti completamente diversi per tipologia di opere: Toni Bellucci ,”non scultore non pittore ma un assemblatore di materiali” che opportunamente trattati generano lavori che ricordano linguaggi dimenticati , caratteri misteriosi, una sorta di Fantastica archeologia. Giulia Pedini, pittrice, i cui lavori” rivelano una sorta di ossessione di riempire uno spazio vuoto. Il colore nero dominante la parte centrale dei dipinti trasmette un desiderio di pausa , di uno spazio per la meditazione e un bisogno interiore di mantenere il controllo della propria identità nel quotidiano trambusto di immagini e messaggi”. Isabella Sannipoli,  invece,usa la fotografia per raccontare piccole, intime storie e attraverso esse esplorare problematiche sociali e personali. La Manifestazione, che l’associazione per i gemellaggi di Huntingdon e Godmanchester ha preparato con grande cura e professionalità per oltre un anno, ha riscosso grande successo e partecipazione di pubblico . Le opere dei nostri artisti sono state molto apprezzate dai numerosi visitatori.
La Sindaca di Godmanchester, Sara Conboy, ha detto: “E’ stato un weekend incredibile che ha consolidato il nostro legame di comunità attraverso l’arte; ho visto lavori meravigliosi di persone di tutte le età”. Sara Gifford,Sindaca di Huntingdon, ha dichiarato:”l’arte in tutte le sue forme è un modo fantastico di unire le persone e il Bridge Arts Festival ha sicuramente raggiunto questo obbiettivo, E’ stato un evento fantastico che ha messo in mostra tante abilità e talenti e che ha messo insieme a noi anche artisti e visitatori dalle città gemellate”.Infatti il festival aveva tra i principali obbiettivi quello di far incontrare gli artisti locali con quelli provenienti dalle città gemellate e di rendere l’arte accessibile a tutti sia come spettatori che come partecipanti
Gli artisti di Gubbio, che hanno anche incontrato studenti d’arte degli istituti locali cui hanno presentato le loro opere , hanno espresso grande soddisfazione per la calorosa accoglienza, per il livello della manifestazione e per l’apprezzamento ricevuto.
Il prossimo settembre toccherà a Gubbio organizzare un programma culturale per i giovani e per i rappresentanti istituzionali delle città gemellate che si incontreranno sia per lo Youth Festival che per l’incontro annuale di programmazione delle attività, in coincidenza con il Festival del Medioevo, di cui i giovani studenti saranno anche protagonisti.

You must be logged in to post a comment